Fabio News

 FabioNews

 Servizio personalizzato e partecipativo di informazione.

Questo servizio non puo' e non vuole fornire un'informazione completa ma piuttosto cercare di diffondere qualche notizia o punto di vista interessante che non passa nei grandi media !!
Menu navigazione
OPERAZIONI 

ISCRIVITI
al servizio

Modifica la tua iscrizione

MENU' ISCRITTI 

Accesso Archivio Personale

ACCESSO NOTIZIE 

Cerca in Archivio

Ultime Notizie

APPUNTAMENTI
Torino Vive

Schede Paesi

INFORMAZIONI 

Redazione
(chi siamo)

Il Progetto
(come funziona)

Fonti principali

Liste argomento


Novita' Fabionews

LINKS 

Siti amici


Siti consigliati

LISTE ARGOMENTO 
Informazione sull'Informazione
America Latina - IT
America Latina - ESP
Torino Vive
Ecologia - Ambiente
Basta Guerre
Il Sud ci dice
InfoLavoro
Politica Italiana
Open Source
Un Altro Mondo Possibile
Grandi Opere
Geopolitica del Caos
Chiese e Religioni
Collusi con la Mafia
Extra Comunitari
COMINCIO IO
Piezz' e Core
Tu vu' fa' l'AmeriKano
Spettacolare
Notizie al Femminile
Cooperando...
Legalize It
Il resto del mondo
Africa
Riso Amaro
comunicazioni Admin
Castellano hablantes
Bau, Miao, etc..
Comincio IO Web
L'Europa s'e' desta
Good news
InformaLocale
Il Bel Paese
Palestina
Scuola e educazione
Vacanze Intelligenti
Mio e Nostro - Economia
Salute!


FabioNews aderisce a Riconoscilaviolenza

Perchè passare a Linux

 

ARTICOLO SELEZIONATO
 
Inceneritore? Tutti i rischi, anche quelli economici, solo per i cittadini.
Inserito da:FabioNews info@fabionews.info in data:2013-04-05 14:19:26

Informalocale

Abbaimo intenzione di farci inquinare e di pagare sia con la nostra salute che con le nostre tasche?? Oltre a "cornuti e mazziati".... mi sa che siamo anche un pò troppo abituati a subire passivamente le peggior nefandezze senza alzare la voce...

RIBELLIAMOCI!!!! Seguiamo e aprtecipiamo alle prossime iniziative su www.rifiutizerotorino.it

Ciao
Fabio

da civicacollegno

 

Inceneritore? Tutti i rischi, anche quelli economici, solo per i cittadini.

Se i rischi per la salute non bastassero, ai cittadini viene chiesto di farsi carico anche dei rischi economici d'impresa e non solo. A leggere il testo del contratto di servizio stipulato a dicembre (clicca qui) da A-TOR e TRM c'è da restare basiti. Cornuti e mazziati.
Alla TRM, società venduta ai privati dal Comune di Torino, viene garantito in ogni caso un bilancio positivo. In soldoni TRM è autorizzata a scaricare sugli utenti gli eventuali minor ricavi o maggiori costi (Punto 13.5 alle pagine 37-38-39) dovuti a ogni possibile e immaginabile causa.
A TRM viene poi garantito un vero e proprio monopolio. Tutti i rifiuti dell'ambito vanno conferiti obbligatoriamente all'inceneritore. Nessuna possibilità di conferire i rifiuti da un'altra parte o sperimentare procedure meno impattanti. Ogni politica di gestione dei rifiuti è "prigioniera" dell'inceneritore per tutta la durata del contratto di affidamento. Quindi gli amministratori dei comuni per i prossimi vent'anni non potranno avviare politiche per lo smaltimento dei rifiuti diverse dall'incenerimento. Inoltre per garantire la saturazione delle 421 mila tonnellate annue di capacità dell'inceneritore non si potrà aumentare la raccolta differenziate e il riciclo dei rifiuti e questo spiega anche perchè non si investe in quella direzione e la raccolta differenziata diminuisce anzichè aumentare.

In un contratto di 72 pagine non si è trovato lo spazio per prevedere l'obbligo di pubblicare on-line i dati relativi alle emissioni dell'inceneritore, come non è previsto alcun obbligo a render conto delle quantità, tossicità e destinazione delle ceneri prodotte.
Si è previsto invece che, siccome a fine vita dell'inceneritore il sito andrà bonificato, i costi relativi devono essere scaricati da subito sugli utenti, in modo che gli utili per i padroni dell'inceneritore siano sempre e comunque garantiti. Infatti si prevede addirittura che TRM possa scaricare sulle utenze eventuali risarcimenti danni sanciti dall'autorità giudiziaria pari o inferiori a 5 milioni di euro. Se invece dovessero superare tale cifra, TRM può unilateralmente recedere dal contratto se entro 180 giorni le parti non hanno trovato il modo che consenta di mantenere salvo l'equilibrio economico e finanziario.

A fronte di un quadro così sconfortante che fare? Rassegnarsi? Mai! Anche se al 30 di questo mese dovrebbe avere inizio l'esercizio provvisorio, il Comitato Rifiuti Zero, infatti, non demorde e continua a proporre la raccolta di firme della petizione contro l'inceneritore (clicca qui), accompagnata anche da una lettera ai consiglieri comunali di Collegno. Chi non avesse già firmato nei mesi scorsi la petizione, può recarsi in Comune in piazza del Municipio per farlo. Come CIVICA aderiamo all'iniziativa e invitiamo i cittadini a fare altrettanto.

Giovanni Lava

 


 Fabio News

Siti Nel circuito di BannerEtico:

Il materiale di questo sito e' pubblico e reperito da Internet.
Se copiate, citate la fonte e gli autori. Il servizio di informazione via mail e' realizzato con PHPList - Webmaster FabioNews