Fabio News

 FabioNews

 Servizio personalizzato e partecipativo di informazione.

Questo servizio non puo' e non vuole fornire un'informazione completa ma piuttosto cercare di diffondere qualche notizia o punto di vista interessante che non passa nei grandi media !!
Menu navigazione
OPERAZIONI 

ISCRIVITI
al servizio

Modifica la tua iscrizione

MENU' ISCRITTI 

Accesso Archivio Personale

ACCESSO NOTIZIE 

Cerca in Archivio

Ultime Notizie

APPUNTAMENTI
Torino Vive

Schede Paesi

INFORMAZIONI 

Redazione
(chi siamo)

Il Progetto
(come funziona)

Fonti principali

Liste argomento


Novita' Fabionews

LINKS 

Siti amici


Siti consigliati

LISTE ARGOMENTO 
Informazione sull'Informazione
America Latina - IT
America Latina - ESP
Torino Vive
Ecologia - Ambiente
Basta Guerre
Il Sud ci dice
InfoLavoro
Politica Italiana
Open Source
Un Altro Mondo Possibile
Grandi Opere
Geopolitica del Caos
Chiese e Religioni
Collusi con la Mafia
Extra Comunitari
COMINCIO IO
Piezz' e Core
Tu vu' fa' l'AmeriKano
Spettacolare
Notizie al Femminile
Cooperando...
Legalize It
Il resto del mondo
Africa
Riso Amaro
comunicazioni Admin
Castellano hablantes
Bau, Miao, etc..
Comincio IO Web
L'Europa s'e' desta
Good news
InformaLocale
Il Bel Paese
Palestina
Scuola e educazione
Vacanze Intelligenti
Mio e Nostro - Economia
Salute!


FabioNews aderisce a Riconoscilaviolenza

Perchè passare a Linux

 

ARTICOLO SELEZIONATO
 
Solo chi ama può cambiare il mondo
Inserito da:Gigi - FabioNews luigi.eusebi@poste.it in data:2018-01-06 01:07:54

Solo chi ama può cambiare il mondo

di Aldo Morrone*

Scriveva Helder Camara: ”È meraviglioso che la tua mano aiuti a spiccare il volo… ma che essa non abbia mai l’ardire di prendere il posto delle ali”. Voleva essere un antidoto alla presunzione della solidarietà e della bontà pelosa. È difficile per me ogni volta che torno in Italia, non avvertire un sentimento di “disadattamento”.

In molti Paesi considerati in via di sviluppo – ma di quale sviluppo continuiamo a parlare? –, dove condivido la vita di donne, uomini e bambini che devono affrontare ogni giorno la difficile lotta per sopravvivere, si percepisce che la vita ha un valore che qui da noi sembra perso. La voglia di vivere e il desiderio di conoscenza, di amicizia e di dignità è profondamente diffuso, sembra di respirarlo anche nell’aria, nonostante la dura quotidianità.

Mi vengono alla mente le parole che Augusto Cury scriveva oltre quindici anni fa nel suo libro Diez leyes para ser feliz:

Essere felici non è avere una vita senza perdite e frustrazioni. Essere felici, significa essere allegri anche se ci sono motivi per piangere. Vivere intensamente, anche in un letto d’ospedale. E non smettere mai di sognare, anche se hai degli incubi. È dialogare con se stessi, anche se la solitudine ti sommerge. È rimanere sempre giovane, anche se i capelli diventano grigi. Raccontare favole ai tuoi figli, anche se hai poco tempo. È amare i genitori, anche se non ci capiscono. Essere felici anche se le cose non vanno bene. Trasformare gli errori in lezioni di vita. Sentire il sapore dell’acqua e il soffio della brezza sulla faccia, l’aroma della terra umida. È saper vivere grandi emozioni nelle piccole cose. E non respingere chi si ama, anche se ci può deludere. È avere amici per condividere le lacrime e le gioie. Essere amici del giorno e amante dei sogni. È ringraziare Dio per lo spettacolo della vita”.

Ecco questo io colgo in Africa, in America Latina, in Medio Oriente dove ogni giorno si respira una voglia di vivere contagiosa. I sorrisi degli uomini, delle donne e dei bambini mi raccontano ogni giorno la passione per la vita. La voglia di tenerezza che semplici carezze possono donare nel letto di ospedali “da campo” dove la professionalità e la sollecitudine di medici e infermieri, provano a restituire salute e serenità a chi fa fatica a vivere, a chi è ferito non solo nel corpo.

E allora sogno un Anno Nuovo che ci aiuti tutti a rinascere ogni giorno, senza pregiudizi e senza rancori. In cui siamo capaci di superare speranze ferite (penso alla sofferenza dei bambini italiani ancora senza cittadinanza) per guardare al futuro con occhi nuovi. Aperti e attenti alle persone più fragili. UnAnno Nuovo per imparare ad amare, senza se e senza ma. Solo chi ama può cambiare il mondo.

Antonio Gramsci scriveva nel 1924 dal carcere, a Giulia:

”Carissima… quante volte mi sono domandato se legarsi a una massa era possibile quando non si era voluto bene a nessuno, neppure ai propri parenti, se era possibile amare una collettività, se non si era amato profondamente delle singole creature umane. Non avrebbe ciò avuto un riflesso sulla mia vita di militante, non avrebbe perciò isterilito e ridotto a un puro fatto intellettuale, a un puro calcolo matematico, la mia qualità di rivoluzionario? Ho pensato molto a tutto ciò e ci ho ripensato in questi giorni, perché ho molto pensato a te, che sei entrata nella mia vita e mi hai dato l’amore e mi hai dato ciò che mi era sempre mancato…”.

* Primario infettivologo dell’ospedale San Gallicano di Roma e medico noto in tutto il mondo, da più di trent’anni è impegnato con i migranti e in diversi paesi del Sud del mondo. Autore di articoli e libri, tra cui Lampedusa, porta d’Europa. Un sogno per non morire (Magi edizioni).


 Fabio News

Siti Nel circuito di BannerEtico:

Il materiale di questo sito e' pubblico e reperito da Internet.
Se copiate, citate la fonte e gli autori. Il servizio di informazione via mail e' realizzato con PHPList - Webmaster FabioNews