Fabio News

 FabioNews

 Servizio personalizzato e partecipativo di informazione.

Questo servizio non puo' e non vuole fornire un'informazione completa ma piuttosto cercare di diffondere qualche notizia o punto di vista interessante che non passa nei grandi media !!
Menu navigazione
OPERAZIONI 

ISCRIVITI
al servizio

Modifica la tua iscrizione

MENU' ISCRITTI 

Accesso Archivio Personale

ACCESSO NOTIZIE 

Cerca in Archivio

Ultime Notizie

APPUNTAMENTI
Torino Vive

Schede Paesi

INFORMAZIONI 

Redazione
(chi siamo)

Il Progetto
(come funziona)

Fonti principali

Liste argomento


Novita' Fabionews

LINKS 

Siti amici


Siti consigliati

LISTE ARGOMENTO 
Informazione sull'Informazione
America Latina - IT
America Latina - ESP
Torino Vive
Ecologia - Ambiente
Basta Guerre
Il Sud ci dice
InfoLavoro
Politica Italiana
Open Source
Un Altro Mondo Possibile
Grandi Opere
Geopolitica del Caos
Chiese e Religioni
Collusi con la Mafia
Extra Comunitari
COMINCIO IO
Piezz' e Core
Tu vu' fa' l'AmeriKano
Spettacolare
Notizie al Femminile
Cooperando...
Legalize It
Il resto del mondo
Africa
Riso Amaro
comunicazioni Admin
Castellano hablantes
Bau, Miao, etc..
Comincio IO Web
L'Europa s'e' desta
Good news
InformaLocale
Il Bel Paese
Palestina
Scuola e educazione
Vacanze Intelligenti
Mio e Nostro - Economia
Salute!


FabioNews aderisce a Riconoscilaviolenza

Perchè passare a Linux

 

ARTICOLO SELEZIONATO
 
Palestina - Appello a Mattarella: liberiamo Ahed Tamimi
Inserito da:Gigi - FabioNews luigi.eusebi@poste.it in data:2018-02-16 18:27:54

Palestina. Appello a Mattarella: «Liberiamo Ahed Tamimi»

Lo scorso 15 dicembre 2017 Mohammed Tamimi, 15 anni, era stato colpito alla testa da un proiettile di metallo ricoperto di gomma sparato a distanza ravvicinata da un soldato dell’esercito occupante israeliano. Il ragazzo versava in condizioni critiche e la cugina, Ahed Tamimi era rimasta visibilmente sconvolta dalla gravità delle ferite di Mohammed. La stessa unità di soldati si era poco dopo avvicinata alla casa della famiglia Tamimi e Ahed aveva urlato contro di loro schiaffeggiando anche un soldato. La mamma di Ahed aveva ripreso in un video quanto successo tra la figlia ed il soldato postandolo sui social: in esso si vede il coraggio di un’adolescente che, a mani nude, affronta 2 soldati pesantemente armati. Per questo, il 19 dicembre 2017, nella notte, Ahed è stata portata via dalla sua casa dall’esercito israeliano e condotta davanti al tribunale militare di Ofer. Sulla base dei 12 capi d’imputazione a lei addebitati, potrebbe essere condannata a 12 anni di prigione: il futuro di Ahed appare buio, se non si interverrà.

Ci appelliamo a lei, Presidente, nella speranza che, grazie alla sua autorevolezza, Ella possa adoperarsi per la liberazione di Ahed. Il suo caso non è purtroppo isolato. Secondo Defence Children International- Palestine, Israele porta davanti ai tribunali militari ogni anno dai 500 ai 700 bambini, alcuni di soli 12 anni, e tiene costantemente in carcere una media di 200 bambini.

Secondo i report delle agenzie internazionali, tra cui Unicef, Human Rights Watch, B’Tselem, Amnesty International e Defence Children International–Palestine, 3 bambini su 4 subiscono violenza durante l’arresto e gli interrogatori. I minori palestinesi, per lo più arrestati durante raid notturni nelle loro case, sono bendati e ammanettati con dolorose strisce di plastica ai polsi. Sono privati della presenza di un avvocato e dei genitori durante gli interrogatori e sono forzati a firmare confessioni, scritte in ebraico, lingua che non conoscono. Spesso sono sottoposti alla «detenzione amministrativa», cioè all’imprigionamento senza accusa e senza processo. Sono inoltre incarcerati in prigioni situate In Israele, al di fuori dei Territori Palestinesi Occupati, contravvenendo all’Art. 49 della 4° Convenzione di Ginevra, e ciò rende quasi impossibile ricevere visite dai loro genitori.

Durante gli interrogatori sono tenuti in celle d’isolamento, pratica che la legge internazionale equipara alla tortura. Il report Unicef «Bambini sottoposti alla detenzione militare israeliana» conclude: «l’abuso dei bambini che vengono in contatto con il sistema detentivo militare israeliano è esteso, sistematico e istituzionalizzato in ogni fase della procedura, dal momento dell’arresto, durante il processo, la detenzione inziale e la detenzione successiva alla pena».

Le chiediamo, Signor Presidente, di voler contattare con urgenza le autorità israeliane perché mettano fine alle pratiche detentive che violano i diritti dei bambini, i diritti umani e la legge internazionale.


*** Luisa Morgantini, Vincenzo Vita, Domenico Gallo, Livio Pepino, Moni Ovadia, Luciana Castellina, Leopoldo Grosso, Piero Basso, Carlo Ginzburg, Asia Argento, Barbara Scaramucci, Lea Melandri, Paolo Maddalena, Marco Revelli, Gianni Ferrara, Francesca Chiavacci, Giorgio Forti, Guido Ortona, Luigi Manconi, Giorgio Parisi, Franco Ippolito, Gianni Ferrara, Anna Bozzo, Alfonso Gianni, Gabriella Ambrosio, Filippo Fossati, Daniela Giordano, Daniele Vicari, Robert Jennings, Patrizia Fezia, Paolo Gianardi, Gianni Tognoni, Enrico Pugliese, Francesco Ciafaloni, Marco Scavino, Roberto Beneduce, Simona Taliani, Rosita Di Peri, Alessandra Algostino, Francesco Pallante, Mauro Beschi, Alfiero Grandi, Giuseppe Rescigno, Bia Sarasini, Vittorio Cataudella, Fausto Tortora, Nello Rossi, Erasmo Palazzotto, Arturo Tagliacozzo, Alberto Gajano, Isabella Mele, Rosetta Papa, Ugo Mattei, Sandro Portelli, Giovanni Veronesi, Sandro Veronesi, Anna Rita Verardo, Anna Costanza Baldry, Dario Argento, Matilde D’Errico, Sergio Castellitto, Maria Amelia Monti, Edoardo Erba, Barbara Alberti, Paolo Virzi, Geppy Cucciari, Corrado Fortuna, Daria Nicolodi, Margaret Mazzantini, Adriana Buffardi.


 Fabio News

Siti Nel circuito di BannerEtico:

Il materiale di questo sito e' pubblico e reperito da Internet.
Se copiate, citate la fonte e gli autori. Il servizio di informazione via mail e' realizzato con PHPList - Webmaster FabioNews