Fabio News

 FabioNews

 Servizio personalizzato e partecipativo di informazione.

Questo servizio non puo' e non vuole fornire un'informazione completa ma piuttosto cercare di diffondere qualche notizia o punto di vista interessante che non passa nei grandi media !!
Menu navigazione
OPERAZIONI 

ISCRIVITI
al servizio

Modifica la tua iscrizione

MENU' ISCRITTI 

Accesso Archivio Personale

ACCESSO NOTIZIE 

Cerca in Archivio

Ultime Notizie

APPUNTAMENTI
Torino Vive

Schede Paesi

INFORMAZIONI 

Redazione
(chi siamo)

Il Progetto
(come funziona)

Fonti principali

Liste argomento


Novita' Fabionews

LINKS 

Siti amici


Siti consigliati

LISTE ARGOMENTO 
Informazione sull'Informazione
America Latina - IT
America Latina - ESP
Torino Vive
Ecologia - Ambiente
Basta Guerre
Il Sud ci dice
InfoLavoro
Politica Italiana
Open Source
Un Altro Mondo Possibile
Grandi Opere
Geopolitica del Caos
Chiese e Religioni
Collusi con la Mafia
Extra Comunitari
COMINCIO IO
Piezz' e Core
Tu vu' fa' l'AmeriKano
Spettacolare
Notizie al Femminile
Cooperando...
Legalize It
Il resto del mondo
Africa
Riso Amaro
comunicazioni Admin
Castellano hablantes
Bau, Miao, etc..
Comincio IO Web
L'Europa s'e' desta
Good news
InformaLocale
Il Bel Paese
Palestina
Scuola e educazione
Vacanze Intelligenti
Mio e Nostro - Economia
Salute!


FabioNews aderisce a Riconoscilaviolenza

Perchè passare a Linux

 

APPUNTAMENTO SELEZIONATO
 
No alle Olimpiadi invernali 2026 a Torino
Inserito da:Gigi - FabioNews luigi.eusebi@poste.it in data:2018-03-10 01:07:23

(da notavtorino.org)

 

[09-03-2018Ricandidare Torino alle Olimpiadi invernali del 2026? La cittadinanza attiva dice un NO robustamente motivato

La lobby di chi si accaparra soldi dei contribuenti con la scusa dello sport è ripartita all'attacco. Ma la sciagura del 2006 a Torino e valli alpine è ben presente ai cittadini "liberi e pensanti". Si, 12 anni fa l'evento ha anche significato una promozione turistica riversatasi sui fatturati degli addetti, al massimo il 5% della popolazione; per il restante 95% ha significato invece subire un debito dell'ente locale che ancora oggi ammonta a 3,3 miliardi. Che comporta il pagamento di 15 milioni ogni anno solo di interessi alla banche, e ciò si riversa sui cittadini in termini di tagli sempre maggiori ai servizi. Per non dire dei ruderi e delle cementificazioni rimaste sulle montagne a deturpare l'ambiente. Ecco allora che oggi la cittadinanza attiva sul territorio dice un secco NO a ripetere l'errore: lo fanno, al momento, il Movimento No Tav, così come Pro Natura e, in suo comunicato, anche l'associazione ATTAC.


 Fabio News

Siti Nel circuito di BannerEtico:

Il materiale di questo sito e' pubblico e reperito da Internet.
Se copiate, citate la fonte e gli autori. Il servizio di informazione via mail e' realizzato con PHPList - Webmaster FabioNews